Assoidroelettrica | Strategia Energetica Nazionale: il Documento di Consultazione
6264
post-template-default,single,single-post,postid-6264,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Strategia Energetica Nazionale: il Documento di Consultazione

E’ stato pubblicato oggi sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico il documento di consultazione di cui è possibile prendere visione integrale premendo il link in calce alla pagina.

L’Associazione dispone di trenta giorni di tempo per fornire le relative osservazioni. Chiunque vorrà inviare un proprio contributo potrà scrivere a segreteria@assoidroelettrica.it


Tra gli aspetti di maggior rilievo nel citato documento emerge la volontà, fino al 2020, di “continuare a promuovere nuovi investimenti in rinnovabili attraverso premi incentivanti sulla produzione” (pag.11-12).

Piace poco ad Assoidroelettrica l’indicato approccio alla neutralità tecnologica. Ben più gradito è invece il ricorso a regimi di aiuto differenziato. Infatti se tecnologie come quelle dell’eolico e del fotovoltaico stanno facendo registrare costi di installazione sempre più contenuti l’idroelettrico, invece, tecnologia ormai matura, vede purtroppo l’aumento dei costi derivante dal ricorso a siti non sfruttati nel passato in quanto all’epoca ritenuti meno favorevoli per effetto dei costi di realizzazione.
Nel citato documento viene ribadita con riferimento alla stabilità della rete, l’importanza che l’idroelettrico è in grado di garantire (pag. 44, 103-104), Assoidroelettrica ritiene quindi che questa peculiarità debba poter beneficiare dell’adeguato riconoscimento economico, con le dovute distinzioni del caso.


All’Idroelettrico vengono riconosciute le grandi potenzialità derivanti dai rifacimenti e dai potenziamenti (pag. 44, 51).


Degna di nota è la tabella (pag. 62, di seguito integralmente riportata) indicante gli investimenti fatti registrare nel 2016 dalle rinnovabili. Relativamente all’idroelettrico emerge un Valore Aggiunto pari 612,9 milioni di euro sul PIL, a fronte di circa 10744 occupati permanenti e temporanei.



 

Un ruolo di grande importanza viene attribuito ai pompaggi, quindi allo storage idroelettrico (pag. 81, 103-104, 116).

Altro aspetto di grande rilievo è riferito alle gare in merito alle grandi derivazioni (pag. 12, 51), dalle quali si stimano ricavi superiori al miliardo e mezzo di euro.

SEN 2017 – Documento di Consultazione