Assoidroelettrica | Direttiva Derivazioni Autorità di Bacino del Po: le osservazioni depositate
6291
post-template-default,single,single-post,postid-6291,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Direttiva Derivazioni Autorità di Bacino del Po: le osservazioni depositate

Radicali sono state le modifiche in materia di legislazione ambientale introdotte dalla Direttiva Derivazioni dell’Autorità di Bacino del Po.
Molteplici ed assai dettagliate sono purtroppo le numerose verifiche ambientali con le quali i Produttori idroelettrici di uno dei più importanti Distretti Idrografici italiani si trovano oggi a doversi confrontare.
In taluni contesti si tratta di una vera e propria moratoria che male si sposa con la volontà di contrastare i cambiamenti climatici. In materia di rinnovi la Direttiva in parola mette addirittura in discussione la sopravvivenza di centrali storiche, il cui contributo allo sviluppo sostenibile del Paese è sempre stato di fondamentale importanza.

L’Associazione ha da subito ritenuto questo tema di primaria importanza, numerosi e qualificati sono stati i professionisti delle varie commissioni che hanno lavorato per oltre un anno alla redazione del documento (ing. Daniele Cerato, dott. for. Giorgio Colombo, ing. Marco Galfrè, ing. Luca Macario, ing. Daniele Pirra, avv. Andrea Porro, ing. Dario Ughetto).
E’ possibile prendere visione integrale premendo il link sottostante.


Assoidroelettrica – Analisi Direttiva Derivazioni


Al fine di condividere i contenuti del citato documento con i Produttori oltre a discutere del post-alluvione in Valle Tanaro, l’Associazione organizzerà a breve un incontro con tutti gli operatori di settore.

Celere è stata la risposta con cui la predetta Autorità ha provveduto a contattarci, sia telefonicamente che mediante l’invio della nota della quale è possibile prendere visione nel collegamento sottostante.

 

Risposta dell’Autorità di Bacino del Fiume Po


Telefonicamente, il Dirigente della predetta Autorità si è complimentato per il tenore delle osservazioni inviate dall’Associazione, evidenziando come oggi sia necessario per le varie Autorità di Bacino attenersi al Decreto Direttoriale della Dott.ssa Gaia Checcucci (Direttore Generale per la Salvaguardia del Territorio e delle Acque, MATTM). Decreto i cui contenuti sono stati trattati da Assoidroelettrica assieme al Sottosegretario all’Ambiente Barbara Degani ed al Segretario Generale del Distretto Idrografico delle Alpi Orientali Francesco Baruffi, nel corso dell’incontro con i Produttori tenutosi a Padova lo scorso 5 giugno.

A seguito dello spessore delle indicazioni fatte pervenire, l’Autorità ha deciso di organizzare un incontro con esponenti degli Enti Locali e del Ministero, oltre ai rappresentanti dei portatori d’interesse. La stessa Autorità ci ha comunicato che Assoidroelettrica è stata la sola Associazione di Categoria specifica per la sola fonte idroelettrica ad inviare osservazioni in merito alla citata Direttiva Derivazioni.

La menzionata Direttiva Derivazioni rappresenta non certo in positivo una svolta epocale per il Settore, le cui conseguenze, anche di grave entità, potranno avere negativi riscontri altresì sui rinnovi di concessione. Nel territorio del Distretto Idrografico del Fiume Po ed in particolare in Piemonte, hanno sede alcune altre associazioni di Categoria localmente strutturate dalle quali, data la criticità emersa, ci si sarebbe aspettati convergenza di intenti e collaborazione.
La volontà di Assoidroelettrica, oggi più che mai, è quella di cercare di aggregare il maggior numero di Produttori possibile, così da dare una forte ed unica voce alla Categoria.