Assoidroelettrica | Assoidroelettrica oggi al MISE per discutere del nuovo Decreto
6804
post-template-default,single,single-post,postid-6804,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Assoidroelettrica oggi al MISE per discutere del nuovo Decreto

Quest’oggi l’Associazione ha tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico un incontro ai vertici per trattare nuovamente il tema del nuovo Decreto FER, regolamento che così come impostato sembra permettere di fare grandi impianti eolici e fotovoltaici impedendo la realizzazione di piccoli e medi impianti idroelettrici oggi cantierabili, a seguito di iter autorizzativi durati anche più di un decennio. Se da un lato i tempi previsti per la conclusione delle VIA e delle AU vengono purtroppo quasi sempre disattesi dalla Pubblica Amministrazione, ora non si può certo dire altrettanto per l’erogazione degli incentivi che da un giorno all’altro, quindi con estrema celerità, pare stiano dicendo no all’idroelettrico; anche la distribuzione dei MW tra le varie fonti non pare certo equilibrata.

Assoidroelettrica ha ribadito come per il piccolo e medio idroelettrico ulteriori tre anni di incentivazione con criteri analoghi a quelli degli anni scorsi siano indispensabili.

L’incertezza politica del momento non giova purtroppo al dialogo con le istituzioni, tuttavia è fondamentale tentare il tentabile anche in questa fase, al fine di scongiurare il peggio. Certo è che se illustri esponenti di altre associazioni anziché manifestare con un tweet l’auspicio della rapida promulgazione della bozza in parola, intervenissero costruttivamente per modificarne i contenuti, tutti assieme, si potrebbe sperare di ottenere risultati migliori.