Assoidroelettrica | A Bolzano il Secondo Tavolo dell’Idroelettrico
7007
post-template-default,single,single-post,postid-7007,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

A Bolzano il Secondo Tavolo dell’Idroelettrico

Lunedì scorso presso la sede della Provincia Autonoma di Bolzano, alla presenza del Presidente Arno Kompatscher, si è svolto il secondo Tavolo dell’Idroelettrico, nato per volontà di questa Associazione al fine di trattare nel suo insieme i problemi della Categoria assieme alle Istituzioni.


Presenti infatti il Senatore Paolo Arrigoni, responsabile per l’energia della Lega, il Dott. Stefano Besseghini, Presidente di ARERA, il Dott. Luca Barberis del GSE, Giuliano Vettorato, Assessore all’Energia della Provincia Autonoma di Bolzano, Massimo Sertori, Assessore alla Montagna della Regione Lombardia, Mario Tonina, Assessore all’Ambiente della Provincia Autonoma di Trento, Rudi Rienzner, CEO di SEV, Antonio Altomonte, Commissario E.I.P.L.I., Carlo Personeni, Presidente di FEDERBIM, Daniela Dal Col, Consigliere di FINCO ed infine gli Avvocati Giovanni Battista Conte ed Ambrogio Papa della Commissione Affari Legali di Assoidroelettrica.


Assai costruttive risultano queste giornate di lavoro dove collegialmente è possibile uno scambio di opinioni tra gli operatori rappresentati da Assoidroelettrica e tutti gli attori istituzionali di settore. L’evento è stato organizzato assieme a SEV (Südtiroler Energieverband – Federazione Energia Alto Adige) con la quale Assoidroelettrica ha ormai da tempo instaurato un consolidato rapporto di collaborazione che tanto giova alla Categoria.


Tra i temi trattati ovviamente i problemi legati all’incentivazione ed ai contingenti del nuovo Decreto FER, quindi l’adeguato sostegno agli impianti di piccole e medie dimensioni sia da realizzare che in esercizio. In generale si è discusso della competitività dell’idroelettrico in futuro, con riferimento alle sue pregiate peculiarità ed anche ai maggiori oneri di cui questa fonte è gravata.


Nella seconda parte della giornata, a seguito di una conviviale colazione con gli intervenuti, si è tenuto un sopralluogo al cantiere idroelettrico di Sant’Antonio, il più importante in Italia degli ultimi quarant’anni.


Grande risalto all’evento è stato dato dai media, nel corso della giornata interviste nonché riprese dell’evento sono comparse su tutte le edizioni del telegiornale regionale, numerose sono state le testa giornalistiche che hanno descritto nel dettaglio i contenuti della giornata.