Assoidroelettrica | D.L. SOSTEGNI TER: LE AZIONI DI ASSOIDROELETTRICA PER DIRE NO AI TAGLI
7495
post-template-default,single,single-post,postid-7495,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

D.L. SOSTEGNI TER: LE AZIONI DI ASSOIDROELETTRICA PER DIRE NO AI TAGLI

L’Associazione sta operando con ogni mezzo a disposizione con l’obiettivo di tutelare il prezzo dell’energia per le centrali idroelettriche che non beneficiano di incentivi, nonché salvaguardare le concessioni.
Le norme in materia di Concorrenza ed il Decreto “Sostegni TER”, se attuati secondo le previsioni attuali, cagionerebbero reali danni all’intero comparto con effetti negativi sia sugli attuali valori di produzione che sullo sviluppo delle rinnovabili in genere.


In tema di concorrenza Assoidroelettrica ha partecipato, lo scorso 10 febbraio, ad una audizione della X Commissione Permanente del Senato.
L’Associazione invita tutti gli operatori ad ascoltare l’intervento del Direttore Taglioli, disponibile premendo il collegamento seguente.


Audizione alla Commissione X del Senato


Con riferimento a quanto previsto dai contenuti del Decreto Legge “Sostegni TER”, i cui negativi effetti in parte sono anche stati rappresentati durante l’audizione menzionata poc’anzi ed oggetto di accurato approfondimento da parte dell’Associazione, è stata predisposta e recentemente trasmessa ai massimi vertici istituzionali italiani ed europei la nota di cui al collegamento sottostante, lavoro per cui si ringrazia l’Avv. Ambrogio Papa che ha collaborato con grande competenza ed incisività.


D.L. Sostegni TER: Nota alle Istituzioni


Altro tema di grande attualità, purtroppo non trascurabile, è quello legato alla siccità che sta caratterizzando l’intero territorio nazionale. Se tante aziende oggi sono in crisi per il caro energia e quindi il Governo ha meritoriamente deciso di intraprendere azioni volte a salvaguardare le imprese italiane in genere, gli impianti idroelettrici non possono però subire anche sotto questo punto di vista uno sperequativo quanto ingiustificato trattamento. Mai come in questi mesi la risorsa idrica è stata carente, pertanto, Assoidroelettrica ha scritto al Presidente del Consiglio Mario Draghi ed al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani per mettersi a disposizione per confrontarsi nel corso di un incontro sulle criticità in parola, indubbiamente dettate dai cambiamenti climatici in atto.


Premendo il collegamento sottostante è possibile prendere visione della richiesta di incontro:


Lettera per problema siccità