Assoidroelettrica | CRISI ENERGETICA ED OPERATO DEL GOVERNO: LO SGOMENTO DELLA CATEGORIA
7502
post-template-default,single,single-post,postid-7502,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

CRISI ENERGETICA ED OPERATO DEL GOVERNO: LO SGOMENTO DELLA CATEGORIA

Gli Operatori, increduli, si stanno rivolgendo ad Assoidroelettrica manifestando il massimo sconforto in merito all’operato attuale del Governo, chiedendo di intervenire per scongiurare il peggio.
L’Associazione non può che confermare le pessime impressioni dei produttori idroelettrici sintetizzando i tre punti cardine per cui è indispensabile un’inversione immediata di tendenza, ciò al fine di tutelare le aziende, quindi le famiglie italiane, nonché l’ambiente.


Quali i punti chiave dove il Governo sta sbagliando:

  1. messa a gara delle concessioni. Troppa incertezza paralizza gli investimenti, serve dare immediata stabilità così da sbloccare con immediatezza interventi di efficientamento per circa due miliardi di euro.
  2. D.L. “Sostegni TER”. L’attuale Decreto prevede un prelievo ai produttori idroelettrici – e non solo – di quasi il 70% del fatturato. Serve con immediatezza compiere un passo indietro su questa assurda norma.
  3. il Governo ha deciso di riattivare le centrali a carbone. Serve invece dare una immediata svolta a quei 50-80 GW di nuova potenza rinnovabile che può essere installata qualora i relativi iter autorizzativi abbiano a breve una svolta positiva.



L’istituzione per la prima volta di un Ministero della Transizione Ecologica è senza ombra di dubbio per tutti stato motivo di fiducia per un futuro verde, sostenibile, tuttavia mai ci si sarebbe aspettati, nel concreto, una politica così a favore delle fonti fossili, vessatoria nei confronti delle rinnovabili.


L’Associazione si è già rivolta ai massimi vertici istituzionali italiani ed europei al fine che siano effettuate ampie modifiche a quanto ultimamente posto in essere dal Governo.


Premendo il collegamento sottostante è possibile prendere visione integrale della nota inviata in data 14 febbraio:


D.L. Sostegni TER: Nota alle Istituzioni


Con l’occasione l’Associazione intende ringraziare nuovamente ARERA per aver recepito le istanze di Assoidroelettrica ed aver predisposto una importante memoria celermente inviata a Roma, della quale è possibile prendere visione integrale premendo il collegamento seguente:


D.L. Sostegni TER: Memoria di ARERA