Assoidroelettrica | PUBBLICATA LA DELIBERA ARERA 266/2022/R/EEL PER L’APPLICAZIONE DEL D.L. “SOSTEGNI TER”
7554
post-template-default,single,single-post,postid-7554,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

PUBBLICATA LA DELIBERA ARERA 266/2022/R/EEL PER L’APPLICAZIONE DEL D.L. “SOSTEGNI TER”

L’Associazione comunica di confermare la volontà di impugnare la Delibera 266/2022/R/EEL recentemente pubblicata da ARERA.
Tale Delibera prevede che entro il 10 agosto p.v. il produttore debba comunicare –  su richiesta o meno del GSE da riceversi entro il 10 luglio p.v. – la documentazione necessaria all’applicazione di quanto previsto dall’art. 15-bis del Decreto Legge 27 gennaio 2022 n.4 convertito con Legge di conversione 28 marzo 2022 n.25. Tra la documentazione (art. 3.1 della Delibera) vi sarà ad esempio la richiesta della presenza o meno di eventuali contratti di fornitura, siano essi collegati o meno al mercato spot, conclusisi in data 27 gennaio 2022 ed i relativi volumi.


Premendo il pulsante sottostante è possibile prendere visione della Delibera in parola:


Delibera 266/2022/R/EEL


La Delibera, riprendendo i contenuti da Legge, indica come individuare su quali tipologie di impianti si applica la norma oltre ad alcuni casi specifici di esclusione (come per gli impianti di pompaggio in riferimento all’energia precedentemente prelevata dalla rete o nel caso di impianti idroelettrici che abbiano l’obbligo di cessione gratuita dell’energia alle Regioni, stabilita secondo un rapporto; vedasi art. 4.2) per poi indicare che, in seguito alla quantificazione oraria dell’energia immessa da ciascun impianto come stabilita dal GSE, vi sarà un primo regolamento economico il prossimo ottobre vertente i mesi intercorrenti febbraio ed agosto, per poi proseguire con un regolamento su base mensile entro la fine del secondo mese successivo a quello di riferimento oltre alla possibilità di un conguaglio delle partite economiche a maggio 2023.