Assoidroelettrica | PROROGHE DEI TERMINI PER ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI A CAUSA DELL’EMERGENZA COVID
7577
post-template-default,single,single-post,postid-7577,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

PROROGHE DEI TERMINI PER ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI A CAUSA DELL’EMERGENZA COVID

Al fine di fornire utili chiarimenti a tutti i produttori che anche di recente hanno interpellato Assoidroelettrica per districarsi nella complessa disciplina di accesso ai meccanismi di incentivazione, precisiamo che, in ragione delle disposizioni del D.L. n. 221/2021, con cui è stato prorogato il termine dello stato di emergenza fino al 31 marzo 2022, sono stati ulteriormente prorogati ed aggiornati i termini per l’entrata in esercizio degli impianti.


In particolare, in riferimento agli impianti iscritti a registro ai sensi del D.M. 6 Luglio 2012 e del D.M. 23 Giugno 2016, qualora il termine per l’entrata in esercizio non sia già scaduto al 31.01.2020, è stata concessa una proroga di 790 giorni in considerazione dell’emergenza Covid rispetto al termine inizialmente assegnato al singolo impianto per evitare l’applicazione della decurtazione percentuale della tariffa.


Per gli impianti riferibili al D.M. 4 Luglio 2019, occorre, invece, distinguere tra gli impianti che accedono alle tariffe di cui al D.M. 23 Giugno 2016 (nel rispetto delle condizioni di cui all’art.7.1 del D.M. 4 Luglio 2019) e che possono entrare in esercizio entro la data del 08.10.2022 e gli altri impianti (ad eccezione di quelli confluiti nel primo Bando i cui termini sono prorogati di 790 giorni), i cui termini di entrata in esercizio sono stati prorogati per un termine pari al periodo ricompreso tra la data di pubblicazione delle graduatorie e lo scadere dello stato di emergenza (31.03.2022), come fissato da ultimo dal D.L. 221/2022.

Assoidroelettrica ringrazia, per la sempre puntuale consulenza in materia di affari regolatori, l’Avv. Ambrogio Papa, che resta, comunque, a disposizione di tutti gli associati per ulteriori e specifiche richieste di chiarimenti.