Assoidroelettrica | Incontro con il Vicepresidente Nazionale ed il Direttore del BIM presso l’Unione dei Comuni della Garfagnana
6779
post-template-default,single,single-post,postid-6779,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Incontro con il Vicepresidente Nazionale ed il Direttore del BIM presso l’Unione dei Comuni della Garfagnana

Un incontro, quello di oggi, iniziato con lo sfogo dei Produttori e dell’Associazione dinnanzi al Vicepresidente ed il Direttore del BIM ed a esponenti delle Istituzioni Locali: è paradossale quanto insensato che al termine dell’anno più siccitoso di sempre sia chiesto un quinquennio di arretrati del BIM a Produttori che già pagano un canone di concessione, che versano imposte, che sono in buona parte nelle condizioni di versare royalties altissime ai Comuni e che nel caso in cui abbiano utili d’impresa reinvestono questi direttamente sul territorio.
Laddove i relatori intervenuti hanno cinicamente ed espressamente comunicato che a norma di legge i Produttori sono tenuti a pagare i canoni, l’Associazione a gran voce ha fatto presente come chi si fa capofila per riscuotere canoni così ingenti abbia anche il dovere, quantomeno morale, di farsi capofila tra i Soggetti Istituzionali deputati a risolvere i gravi problemi della Categoria.
L’Associazione ha chiesto che BIM e Comuni si interfaccino per compensare le richieste di canoni arretrati con le royalties già versate, ha domandato di ridurre gli effetti temporali della retroattività con la quale si chiedono soldi ai Produttori con riduzione da cinque anni a due anni e mezzo, ha domandato che il BIM si faccia portavoce ai massimi vertici Istituzionali dei problemi connessi alla Siccità 2017 ed altresì l’Associazione ha chiesto che venga trovata una soluzione per quei piccoli impianti che da disciplinare hanno una potenza superiore ai 220kW ma che di fatto non hanno mai lavorato ad un valore di potenza media che abbia raggiunto o superato detta soglia.
L’incontro si è concluso in una maniera sicuramente migliore di quella con la quale è iniziato, margini per spazi di collaborazione pare infatti si siano aperti.
Sarà ora compito di Assoidroelettrica mantenere uno stretto rapporto con i vertici del BIM e le Istituzioni Locali col preciso intento che quanto oggi verbalmente discusso possa presto tradursi in concrete risposte alla Categoria.