Assoidroelettrica | Proseguono gli Incontri di Assoidroelettrica con i Massimi Vertici Istituzionali
6783
post-template-default,single,single-post,postid-6783,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Proseguono gli Incontri di Assoidroelettrica con i Massimi Vertici Istituzionali

Recentemente sono stati numerosi gli ulteriori confronti tenuti da Assoidroelettrica con i vertici apicali delle massime Istituzioni Italiane. Al centro dell’attenzione, sempre, quei temi per i quali la Categoria necessita di risposte urgenti: nuovo Decreto FER, sovraccanoni BIM e siccità 2017.
Nel far ciò l’Associazione si è ulteriormente rapportata con quei candidati che domenica prossima si sfideranno per la guida del Paese. A tutte le forze politiche scese in campo Assoidroelettrica augura una competizione leale caratterizzata da costruttivo impegno volto a garantire la crescita sostenibile dell’Italia e quindi la piena tutela dell’ambiente grazie alla valorizzazione della fonte idroelettrica. L’auspicio è che dal giorno 5 marzo la campagna elettorale lasci spazio ad una compagine capace di governare il Paese, supportata dal buon fare anche delle forze di opposizione.
Assoidroelettrica sarà quotidianamente al servizio del nuovo Governo e delle Commissioni Parlamentari al fine di fornire il corretto supporto in materia di idroelettrico.
In proposito l’altro ieri l’Associazione ha tenuto un briefing operativo presso il Politecnico di Milano al fine di proseguire i lavori necessari all’ottenimento di uno studio dal quale evincere in maniera dettagliata gli attuali costi di costruzione e di gestione degli impianti idroelettrici a seconda delle diverse taglie. Si tratta di un importante documento che sarà messo a disposizione di tutti i soggetti Istituzionali preposti all’emanazione dei regolamenti di settore, così da evidenziare le peculiarità del nostro Comparto smentendo la prematura ipotesi di considerare la neutralità tecnologica uno strumento adatto alla fonte idrica.