Assoidroelettrica | Decreto FER: il Testo Firmato dai Ministri
7067
post-template-default,single,single-post,postid-7067,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Decreto FER: il Testo Firmato dai Ministri

Manca ancora la pubblicazione in Gazzetta ma è disponibile, premendo il collegamento sottostante, il testo di Decreto firmato dai ministri di riferimento; si tratta di un documento in linea con quello anticipato in anteprima da Assoidroelettrica in data 29 giugno u.s. con il Comunicato Stampa 190/2019


Decreto FER 1


Assoidroelettrica, unica Associazione specifica per la fonte idrica realmente rappresentativa sull’intero territorio nazionale e soprattutto la sola indipendente e libera da ogni altro contesto che ne possa condizionare l’operato, ha cercato di mettere in campo ogni attività possibile a rendere il citato Regolamento il più possibile favorevole alla Categoria. Il risultato di maggior spicco è sicuramente stato quello della reintroduzione all’accesso ai meccanismi incentivanti per gli impianti che sottendono tratto d’asta. In merito l’Associazione desidera ringraziare le forze di Governo della Lega ed in particolare il Senatore Paolo Arrigoni per la vicinanza mostrata fin dal primo giorno. Il Parlamentare, infatti, referente del carroccio in materia di energia, ha partecipato a tutti i tavoli dell’idroelettrico organizzati da questa Associazione battendosi per lo sviluppo sostenibile del Paese, comprendendo come gli impianti idroelettrici possano realmente garantire alle generazioni presenti e future un’aria migliore ed un clima meno alterato. L’Associazione desidera altresì ringraziare quei Presidenti di Regione che in Conferenza Stato-Regioni hanno voluto difendere lo sviluppo dell’idroelettrico, manifestando inoltre gratitudine al Commissario Europeo alla Concorrenza che con attenzione ha valutato l’esposto nonché la documentazione a corredo presentata da Assoidroelettrica, confermandone la bontà dei contenuti.


Confermato invece un quadro non soddisfacente in merito ai contingenti, alle tariffe, nonché alla presenza di ulteriori passaggi necessari ad ottenere quel nulla osta ambientale che di fatto si sovrapporrà a quelli già ottenuti in fase di autorizzazione dei progetti. Il Decreto in parola, di cui l’Associazione fornirà prossimamente una dettagliata analisi, risulta indubbiamente sbilanciato a favore di altre fonti nonché alla produzione oltre i confini nazionali, ciò nonostante il grande impegno di una parte delle forze politiche di Governo, messa in campo con il preciso intento di tutelare una filiera, l’unica, quasi interamente italiana quale è quella idrica.


Se altre realtà associative rappresentanti la moltitudine delle fonti rinnovabili possono oggi nel complesso festeggiare per il nuovo Decreto, Assoidroelettrica, specifica come noto per la sola fonte idrica, è tenuta a concentrarsi sul tanto lavoro ancora da fare, confidando nell’aiuto di quelle forze politiche che hanno dimostrato di credere nell’idroelettrico.