Assoidroelettrica | Regione Friuli Venezia Giulia: il D.D.L. 107 Non Va Bene
7340
post-template-default,single,single-post,postid-7340,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Regione Friuli Venezia Giulia: il D.D.L. 107 Non Va Bene

Assoidroelettrica esprime un giudizio molto negativo in merito ai contenuti del D.D.L. 107 della Regione Friuli Venezia Giulia vertente il tema dei rinnovi delle concessioni di grande derivazione.


Fra i principi cardine di questa Associazione vi è la tutela della libera imprenditoria privata, proprio a tal fine in occasione dei lavori alla predisposizione del D.M. 23 giugno 2016 Assoidroelettrica aveva promosso, per mezzo dell’Avv. Giovanni Battista Conte, un ricorso – poi vinto – laddove alle pubbliche amministrazioni tale documento garantiva una soglia di potenza doppia per usufruire dell’accesso diretto alle tariffe incentivanti.
La Regione in parola intende dar luogo a società miste pubblico-private per aggiudicare le grandi derivazioni, società che per volontà friulana dovrebbero vedere la presenza pubblica in misura del 51%.


L’Associazione intraprenderà ogni azione possibile volta ad impedire che accada, con il preciso intento di garantire pari opportunità alle società a partecipazione interamente privata.