7822
post-template-default,single,single-post,postid-7822,single-format-standard,mkd-core-2.0.2,mikado-core-2.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-3.3, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.2,vc_responsive

IL TAR SOLLEVA DUBBI DI COSTITUZIONALITA’ PER IL CONTRIBUTO SOLIDARISTICO STRAORDINARIO 2023 PER I PRODUTTORI FER

Il TAR Lazio, con ordinanza n. 773/2024, ha sollevato questione di legittimità costituzionale dei commi 115-119 della legge n. 197/2022 per contrasto con gli articoli 3, 53 e 117 della Costituzione.


In particolare, secondo il TAR, il contributo solidaristico straordinario per il 2023, oltre a risultare in contrasto con il Regolamento UE n. 1854/2022, violerebbe altresì i principi di uguaglianza e di capacità contributiva. Infatti, la base imponibile del tributo determinerebbe una duplicazione di tassazione sia con riferimento al contributo solidaristico per il 2022 che al c.d. meccanismo di compensazione a due vie introdotto dall’art. 15-bis del decreto-legge n. 4/2022.


Per i produttori che hanno già versato il contributo solidaristico 2023, la finestra temporale per il rimborso delle somme indebitamente versate potrebbe restringersi: nel caso in cui la Corte dovesse riconoscere l’illegittimità costituzionale della norma, potrebbe altresì prevedere l’applicabilità ai soli soggetti che avranno già contestato nelle sedi opportune la debenza delle somme richieste.


L’Associazione e i suoi legali di fiducia rimangono a disposizione per qualsiasi chiarimento e approfondimento in merito.