Assoidroelettrica | Sbilanciamenti: DCO 277/2017/R/eel
6250
post-template-default,single,single-post,postid-6250,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Sbilanciamenti: DCO 277/2017/R/eel

Assoidroelettrica si è recentemente congratulata con l’Autorità in merito all’importante lavoro svolto, il quale ha dato luogo, sul mercato, ad una netta distinzione degli oneri di sbilanciamento tra le specifiche fonti rinnovabili.
L’adozione della Delibera 800/2016/R/eel ha infatti permesso la determinazione di valori che nel corso dei mesi sono stati ottimizzati, dando luogo a valori per l’idroelettrico oggi pari a circa 0,20 €/MWh, laddove il fotovoltaico versa tra 0,50 ed 1 €/MWh ed infine l’eolico arriva fino a 3 €/MWh.
Il fotovoltaico versa oggi sul mercato corrispettivi di sbilanciamento superiori da tre a cinque volte rispetto all’idroelettrico, l’eolico registra invece costi di sbilanciamento superiori anche di quindici volte rispetto all’idroelettrico.


Il DCO 277/2017/R/eel nello specifico poneva una serie di quesiti ai quali puntualmente Assoidroelettrica ha risposto. Da ciò è auspicata una ulteriore ottimizzazione del mercato elettrico italiano.


Dal 2016 ad oggi Assoidroelettrica ha svolto un importante lavoro per giungere a questi risultati, avvalendosi dei massimi esperti del settore, confermando il suo ruolo di primaria Associazione di Categoria specifica per la fonte idroelettrica ovvero l’unica rappresentativa sull’intero Territorio Nazionale.
Assoidroelettrica è stata anche la sola Associazione di Categoria specifica per la fonte idroelettrica ad impugnare la Deliberazione 444/2016/R/eel, la quale avrebbe effettivamente dato luogo per l’idroelettrico a corrispettivi di sbilanciamento assai più onerosi.


Il GSE in merito ai corrispettivi di sbilanciamento applica un meccanismo perequativo leggermente difforme al metodo di calcolo che viene adottato sul mercato. Non era oggetto del citato DCO il merito con il quale il GSE calcola il valore degli sbilanciamenti da applicare. In merito Assoidroelettrica, su altri fronti, sta valutando da mesi come poter ottimizzare gli oneri che i Produttori in regime RID devono versare. Assoidroelettrica ritiene di avere oggi individuato il metodo in grado di consentire ai Produttori un risparmio indicativamente pari ad 1,5€/MWh. Tale opportunità sarà anticipata in anteprima nel corso dell’incontro con gli Operatori Idroelettrici del prossimo 5 giugno a Padova, al quale è possibile partecipare inviando una mail a segreteria@assoidroelettrica.it