Assoidroelettrica | La Variante V2 della Norma CEI 0-16: Adempimenti da parte dei Produttori
6370
post-template-default,single,single-post,postid-6370,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

La Variante V2 della Norma CEI 0-16: Adempimenti da parte dei Produttori

La Variante V2 alla norma CEI 0-16 entrata in vigore il 1° agosto 2016 ha introdotto per gli utenti connessi alla rete in Media Tensione l’obbligo di verificare mediante cassetta prova relè le funzionalità del sistema di protezione generale (SPG) e del sistema di protezione d’interfaccia (SPI); anche gli utenti attivi connessi in bassa tensione che dispongono di SPI esterno all’inverter, sono soggetti allo stesso provvedimento.

Per entrambe le tipologie di connessione la periodicità delle prove è fissata in 5 anni.

Secondo le norme CEI la verifica del SPG non è retroattiva, mentre con Delibera 786/16 l’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico ha stabilito la scadenza delle verifiche per gli SPI installati prima dell’agosto 2016. La scadenza è determinata dalla data di entrata in esercizio dell’impianto di produzione come indicato nel seguito, ovvero in base alla data dell’ultima verifica dimostrabile alle protezioni stesse:



 V2-CEI-0_16


In caso di mancata effettuazione delle verifiche il Gestore di Rete, nel corso del primo mese successivo alla scadenza, invia ai soggetti interessati un ultimo sollecito per l’effettuazione delle medesime.

Qualora i soggetti interessati non effettuino le verifiche entro un mese dal ricevimento del sollecito, il Gestore di Rete ne dà comunicazione al Gestore dei Servizi Energetici (GSE S.p.A.) che provvede a sospendere l’erogazione degli incentivi qualora previsti e le convenzioni di scambio sul posto e di ritiro dedicato ove presenti.

A seguito dell’effettuazione delle verifiche e della conseguente comunicazione ai Gestori di Rete e al GSE, la sospensione dell’erogazione degli incentivi e delle convenzioni di scambio sul posto e di ritiro dedicato cessa i propri effetti.

La materia è stata oggetto di trattazione da parte di Filippo Maggia – membro della III Commissione Ingegneria, Studi e Commissione Tecnica – e da Gianni Percoco di Thytronic, entrambi grandi esperti, che si rendono a disposizione per ogni eventualità.