Assoidroelettrica | ARTICOLO 15-BIS DEL D.L. SOSTEGNI TER: SI PRONUNCIA A.G.C.M.
7530
post-template-default,single,single-post,postid-7530,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

ARTICOLO 15-BIS DEL D.L. SOSTEGNI TER: SI PRONUNCIA A.G.C.M.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha risposto ieri ad Assoidroelettrica.
In data 14 febbraio u.s. l’Associazione esponeva all’Autorità medesima la gravità dei contenuti dell’art. 15-bis del D.L. Sostegni “TER”, nel quale ravvisa anche principi di incostituzionalità ed aspetti distorsivi del mercato.


Con grande stupore la predetta Autorità ha ritenuto accettabili i prelievi sul fatturato previsti dal D.L. in parola, insistendo sugli stessi carattere di limitata temporalità.


Di tutt’altro intendimento è Assoidroelettrica che ritiene tale singolare forma di prelievo ingiusta, lesiva della concorrenza e soprattutto insostenibile per la categoria dei produttori idroelettrici già vittima, nel 2022, di una siccità senza precedenti. Non rimane quindi che impugnare, appena pubblicata, la relativa Delibera attuativa di A.R.E.R.A..


E’ infatti in fase di istruttoria il provvedimento con cui A.R.E.R.A. dovrà sancire i termini di attuazioni del Decreto Legge 27 Gennaio 2022 n.4.
Già in passato un simile ricorso fu vinto da distributori di prodotti petroliferi in merito alla nota “Robin Tax“, la quale distorceva il mercato creando una disparità di trattamento in ambito fiscale tra operatori di diverse dimensioni. Sulla scorta di questo precedente l’Associazione è cautamente fiduciosa di ottenere giustizia.


La previsione di tali prelievi, se confermata nei termini, penalizzerebbe significativamente la possibilità per le imprese di settore di garantire nuovi investimenti, quindi di tutelare l’ambiente ed al contempo calmierare il prezzo delle bollette.


Assoidroelettrica ha già più volte fatto presente la gravità del provvedimento ai massimi vertici istituzionali.


Appare palesemente arbitrario il fatto che in questi giorni l’Esecutivo guidato dal Presidente Draghi, a differenza degli altri governi europei, in assenza di reciprocità stia immotivatamente forzando la concorrenza in materia di concessioni di derivazione idroelettriche, impedendo tuttavia nel contempo che gli attuali concessionari siano liberi di remunerare la propria energia a prezzi concorrenziali di mercato.


Premendo il pulsante sottostante è possibile prendere visione dell’esposto di Assoidroelettrica:


Criticità D.L. Sostegni TER


Premendo il pulsante seguente è possibile prendere visione di un breve riepilogo e del documento della Commissione Europea che ha ripreso gran parte dei rilievi di Assoidroelettrica nelle proprie linee guida “REPower EU – Joint European Action for more affordable, secure and sustainable energy”:

REPower EU – News di Assoidroelettrica


Premendo il pulsante sottostante è altresì possibile prendere visione integrale della risposta di A.G.C.M. alla nostra segnalazione:


A.G.C.M. – Risposta alla Segnalazione


Infine è possibile, di seguito, prendere visione del recente intervento di Assoidroelettrica al Senato d’innanzi ai referenti per l’energia dei principali partiti politici italiani:


Convegno: ‘’Il Problema Energia: Il Ruolo Strategico dei Piccoli Operatori per la Tutela (e la Sopravvivenza) di Consumatori e Imprese’’ – 10 maggio 2022