Assoidroelettrica | SICCITA’: CANONI E SOVRACCANONI
7571
post-template-default,single,single-post,postid-7571,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-1.4.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_text_scaledown,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

SICCITA’: CANONI E SOVRACCANONI

L’incredibile siccità dell’anno in corso ha messo i produttori idroelettrici nella condizione di non riuscire nemmeno a versare canoni e sovraccanoni, in un contesto dove l’Italia è l’unico paese dell’arco alpino europeo in cui questi sono pagati forfettariamente e non sulla base della reale produzione.


La norma di riferimento lascia dei margini agli operatori in presenza di fenomeni calamitosi, quindi di cause di mancanza della risorsa indipendenti dalla volontà del produttore.


Allo scopo l’Associazione tramite l’Avv. Giovanni Battista Conte ha predisposto un modello con il quale i produttori si possono rivolgere alle pubbliche amministrazioni competenti per richiedere la riduzione dei canoni.


Premendo il pulsante sottostante è possibile scaricare il modello in parola:


Modello richiesta riduzione canoni


Gli Associati che dovessero aver bisogno di ulteriore supporto possono scrivere alla segreteria all’indirizzo segreteria@assoidroelettrica.it


Anche questo tema sarà approfondito durante il convegno nazionale dell’idroelettrico che l’Associazione terrà il giorno 16 settembre p.v. a Desenzano del Garda presso il Centro Congressi dell’Hotel Acquaviva del Garda.


Si rammenta che al fine di agevolare l’organizzazione dell’evento gli interessati a partecipare possono inviare un’email all’indirizzo convegni@assoidroelettrica.it indicando nell’oggetto “Presente e Futuro dell’Idroelettrico 2022” ed i nominativi dei partecipanti nel testo.